- 06/06/2012 - Novità  Autocarri e furgoni grandi

Renault Master

Il grande furgone Renault presente alcune novità per quanto riguarda il comfort dell'abitacolo ed i consumi

Renault Master Nuovo Renault Master
Lanciato nel 2010, Renault Master beneficia, dalla fine del primo semestre 2012, di una diminuzione fino a 16 g/km1 delle emissioni di CO2 e di una riduzione del consumo di carburante di 0,6 l/100 km.
Il modello presenta, inoltre, numerose evoluzioni di gamma: nuove radio, inedite sospensioni pneumatiche e disponibilità del dCi 100cv su Telaio Cabinato e su Telaio Doppia Cabina.
Con una quota di mercato del 15% in Europa sul segmento dei grandi furgoni commerciali a fine aprile 2012, Master contribuisce a consolidare la posizione di leader del mercato dei veicoli commerciali in Europa, detenuta da Renault fin dal 1998.

Nuove soluzioni di comfort in cabina
Per migliorare il comfort in cabina, Renault Master propone:
una nuova gamma di autoradio, più semplice e ricca, composta da due sole Radio, con o senza lettore CD MP3, equipaggiate entrambe con Bluetooth e presa USB;
il Dock – Smartphone, una stazione di ricarica, disponibile per la prima volta sulla gamma, che contribuisce ad un ulteriore passo avanti nel concetto di ufficio su ruote.

Motore del Renaul Master
Nel 2010, il lancio di Nuovo Master ha coinciso con quello del motore M9T, appositamente sviluppato per il modello ed assemblato nello stabilimento di Cléon (Francia). Questo propulsore 2.3 dCi, proposto in 3 livelli di potenza (100, 125 e 150 cv), beneficia quest’anno di un duplice miglioramento:
riduzione dei consumi di carburante di 0,6 l/100 km1;
riduzione delle emissioni di CO2 di 16 g/km1.
Per raggiungere tale obiettivo, l’ingegneria Renault ha lavorato principalmente sui seguenti aspetti:
- Thermomanagement, con il miglioramento del circuito idrico per consentire un avviamento più rapido del motore;
- Scelta di nuove pompe dell’olio e del servosterzo;
- Scelta di pneumatici a basso consumo e di un nuovo lubrificante per la trasmissione.
Grazie a questa evoluzione, sulla versione cuore di gamma Furgone Trazione Anteriore L2 H2 T35 125cv si può ottenere, rispetto alla precedente fase del motore, un risparmio di oltre 800 € ogni 100.000 km percorsi.
Nell’ambito dell’evoluzione motori, la gamma Renault Master si arricchisce, inoltre, di nuove versioni dCi 100cv sulle carrozzerie Telaio Cabinato e Telaio Doppia Cabina, mentre tutte le versioni 150cv, le 125cv Trazione Posteriore (eccetto Trazione Posteriore Ruote Singole sui Furgoni) e quelle con cambio robotizzato “Quickshift” saranno oggetto di aggiornamento a fine 2012.

Sospensioni pneumatiche disponibili su Master Trazione Anteriore
L’opzione Sospensioni Pneumatiche è oggi disponibile sulla maggior parte della gamma Trazione Anteriore (Furgone, Pianale cabinato, Telaio cabinato e Doppia Cabina) e con tutte le motorizzazioni, eccetto le versioni T28.
Grazie ai cuscinetti d’aria, le Sospensioni Pneumatiche consentono di:
mantenere un assetto costante con qualunque carico e correggere le differenze di carico fra lato sinistro e destro del veicolo;
aumentare temporaneamente l’altezza dal suolo del veicolo, oppure l’angolo di fuga posteriore;
ribassare il retrotreno con una soglia al livello minimo (450 mm);
adattare manualmente l’altezza di carico posteriore + 70 mm / - 60 mm.
Cifre salienti del Renault Master
Dal lancio, il successo ha sempre accompagnato Renault Master, la cui quota di mercato ha raggiunto, a fine aprile 2012, il 15% del segmento dei grandi furgoni per trasporto merci in Europa. Il modello ha addirittura battuto un record storico, conquistando la leadership del segmento nel mese di febbraio, con una quota di mercato del 16,8%. Il grande furgone è assemblato, fin dalla prima generazione, nel 1980, nello stabilimento SOVAB di Batilly, dove i 2.356 addetti producono ormai anche Opel Movano/Vauxhall e Nissan NV 400.