- 16/05/2004 - Test drive  Volkswagen  Mini cargo

VW Caddy e California - Test Drive

Ottimi per il lavoro ed il tempo libero!

VW Caddy e California - Test Drive Vedi altri articoli Volkswagen

VW Caddy e California: Test Drive. Desenzano (BS) - Vi ricordate della famiglia Bradford? Dava il nome ad una serie tv americana che imperversava negli anni '70, con papà e figlio grande a contendersi, sulle strade californiane di Sacramento, un fantastico furgoncino Volkswagen bicolore (avercelo adesso... ), con vetro anteriore diviso a metà e finestrini laterali con tendine da cucina.
Trent'anni dopo ecco di nuovo il furgoncino (si fa per dire), che neanche a farlo apposta si chiama California ed è sempre marchiato Volkswagen. Lo ha presentato in questi giorni la casa tedesca assieme al "commerciale" Caddy. Due veicoli diversi per automobilisti diversi, uniti da un comune denominatore: non si tratta di automobili nel senso stretto del termine, ma hanno entrambi una missione da compiere, quella di confermare il marchio teutonico sul mercato dei veicoli da tempo libero (il California) e da lavoro (il Caddy).
Un tipo senza fronzoli Il commerciale è un tipo senza tanti fronzoli, tutto cantieri e laboratori artigiani. Fa concorrenza, per restare in Italia, al Fiat Scudo, puntando su un’anima spartana ma generosa, con concessioni a qualche finezza, come gli specchietti elettrici riscaldabili separatamente, il rivestimento del pavimento in moquette, il sedile conducente regolabile in altezza e il cassetto portaoggetti scorrevole sotto al sedile.
Motori semplici e collaudati quelli a disposizione: due benzina 1.4 e 1.6 da 70 e 105 cavalli (il primo sembra decisamente debole, soprattutto in vista di qualche carico pesante) e due diesel, ben più adatti al tipo di veicolo, un due litri da 75 cavalli e un brioso 1,9 da 102 cavalli. Per tutti, cambio manuale a cinque rapporti. Il Caddy sarà in vendita da giugno, a partire da 13.000 euro, l’obiettivo è di circa 900 unità all’anno.
Il gigante californiano Ma ecco il California. Un gigante di quasi cinque metri di lunghezza, due di larghezza e altezza, poggiato sul pianale dell'arcinoto Transporter. Quattro ruote destinate a portare in vacanza chi ama viaggiare senza andare alla ricerca di pensione o albergo: tanto, dietro al sedile di guida c'è tutto (bagno a parte): divano trasformabile in lettone, cucina attrezzata con fornelli e frigorifero, ripiani e cassetti, piccole saracinesche che nascondono scomparti vari e persino un tetto rialzabile che cela altri due posti letto.
I due sedili anteriori sono da auto di lusso, e possono ruotare verso l'interno del veicolo per creare l'effetto-salotto che tanto piace a chi, dopo aver macinato centinaia di chilometri, vuole rilassarsi e scambiare due chiacchiere con gli altri passeggeri. I motori disponibili sono tre, tutti diesel: un 1.9 da 105 cavalli, con cambio manuale a 5 rapporti, un 2.5 da 130 cavalli e un pari cilindrata da 174 cavalli, entrambi disponibili con cambio manuale a 6 rapporti o automatico a 6 rapporti tiptronic. Alla guida appare evidente che ci vuole almeno il 130 cavalli per muovere con una certa disinvoltura il mini appartamento su ruote, ma anche il 1.9 fa il suo dovere, a patto che si accetti fin dall’inizio un’andatura da turista senza fretta.
Leggenda on the road Tra gli equipaggiamenti di serie compaiono tutti i sistemi di sicurezza attiva e passiva che equipaggiano di norma le auto alto di gamma e spiccano i gadget vacanzieri, come il tavolo da campeggio e le sedie richiudibili e il frigobox. I prezzi partono da 40.000 euro, il California sarà messo in commercio in settembre e Volkswagen conta di venderne 150 all’anno.
A fine 204 sarà disponibile la versione 4Motion, e allora il “California integrale” sarà davvero su un altro pianeta rispetto al mitico furgoncino della famiglia Bradford, che arrancava lento lento sulle salite della West Coast, ma che è rimasto impresso nel cuore di molti automobilisti che ancora oggi guidano ricordando il romanzo “On The road”, scritto da un certo Jack Kerouac.