- 22/09/2011 - Test drive  Nissan  Van

Nissan Evalia

Dopo aver conquistato la municipalità di New York, è pronta a far furore anche da noi la Evalia: l’auto familiare economica derivata dal mondo dei veicoli commerciali

Nissan Evalia Vedi altri articoli Nissan Inizia l’offensiva Nissan
Nissan, nonostante sia uno dei pochi casi di case automobilistiche che sembrano non aver risentito troppo della crisi, si è messa in testa di continuare il proprio trend positivo continuando ad archiviare successi e potenziando il proprio marchio.
Per fare questo, la casa giapponese, si è data un protocollo denominato Power88, dove power sta per potere del marchio e potere di vendita, ovviamente da incrementare, e i due 8 rappresentano l’ottava quota di mercato da conquistare entro marzo 2017 e l’8% di profitto operativo da raggiungere. Per fare ciò, da qui a marzo 2017, verranno lanciati 90 nuovi brevetti e
soprattutto 51nuovi modelli, praticamente uno ogni sei settimane. Ad iniziare questo ambizioso ed interessante progetto ci pensa la nuova nata, la Nissan Evalia, che subito conquista il record per aver stabilito un nuovo segmento.

Nissan Evalia, emblema dei CDV
In Nissan, definiscono l’Evalia una CDV, Car Derived Van, ossia un veicolo per la famiglia che deriva dal mondo dei veicoli commerciali. In pratica l’obbiettivo era quello di attingere alla tecnologia vincente Nissan NV200, vincitore del Van of the Year 2010, per creare un’auto per famiglie dall’altissimo tasso di spaziosità e comfort ed un prezzo risicatissimo.
E’ così nato il Nissan Evalia, un rifinito monovolume che ancor prima di essere lanciato sul mercato Europeo, sarà infatti acquistabile dal 24 e 25 settembre 2011, ha già convinto la municipalità di New York che ne ha presi 13.000 per sostituire tutti i taxi della Grande Mela.
Diciamo subito che il prezzo sarà concorrenziale ed oscillerà tra i 16.900 € ed i 20.750 € per la versione più ricca, senza contare che questi prezzi potranno essere ulteriormente abbattuti grazie a gli incentivi offerti da Nissan che prevedono uno sconto di 1.800 € per i nuovi acquirenti, senza nessuna eccezione, a cui si sommeranno altri 1.000 € di sconto in caso di rottamazione, per un totale di sconto di 2.800 €. Se, inoltre, voleste finanziare l’acquisto dell’Evalia, potrete contare su rateizzazioni fino a 7 anni con anticipo zero, polizza furto e incendio gratuita per 5 anni e l’estensione di garanzia a 100.000 chilometri o 5 anni.
Da un punto di vista commerciale, c’è poco da dire, ma ancora non abbiamo parlato del veicolo, quindi andiamo a vedere com’è fatto.

L’estetica di Evalia
Il primo impatto visivo con la Nissan Evalia dà subito un’idea di grande spaziosità in una declinazione fluente e futuristica. Le linee di questo van familiare, infatti, sono disegnate in modo fluente e morbido, senza spigoli o tagli netti: l’auto si sviluppa verso l’alto risultando non
eccessivamente larga, particolare da non sottovalutare nelle città italiane.
Nonostante le dimensioni non ridottissime, l’Evalia può contare su un design che le conferisce una grande idea di dinamismo e praticità. Il grande portellone posteriore lascia intuire l’abbondanza di spazio che si trova internamente, così come gli sportelli scorrevoli la rendono più divertente e
giovanile, oltre ad essere una soluzione ottimale per facilitare la salita e discesa a bordo e per caricare eventuali oggetti negli spazi posteriori.

Entriamo nell’Evalia
A bordo si capisce subito quanto quest’auto sia stata pensata per le famiglie. Tutti i particolari, tutti gli accessori, sono studiati e predisposti per rendere più facile la vita delle giovani famiglie o, al massimo, di single con enormi esigenze di spazio.
Dei sette sedili che allestiscono l’Evalia, gli ultimi due sono ripiegabili, in modo da poter aumentare il vano di carico in modo semplice e veloce. Disseminate un po’ ovunque nell’auto, ci sono 14 tasche portaoggetti, diverse prese di corrente a 12 v e, nel retro degli schienali, troviamo dei vassoi con portabibita, per quando i viaggi si fanno lunghi.
La posizione di guida è stata attentamente studiata per poter risultare più alta, così da garantire il massimo controllo sulla strada e per conferire al guidatore, o alla guidatrice, una maggiore sensazione di sicurezza.
La strumentazione è minimale nell’aspetto, ma completa di ogni dato saliente relativo all’autovettura, mentre il display del navigatore dispone sia di tasti che di tecnologia touch screen, oltre a tramutarsi in un’efficientissimo display a colori per quando si attiva la retromarcia, potendo così vedere esattamente dove si sta andando con l’Evalia, evitando ammaccature e graffi nella parte posteriore del veicolo.
Non mancano la presa Aux In né quella USB, così come non mancano i comandi degli specchietti elettrici; mentre, a mancare, è il tradizionale blocchetto d’accensione in cui inserire la chiave, sostituito da un comando elettronico che non richiede nessun obsoleto oggetto per accenderla.

Motorizzazioni e allestimenti
La Nissan Evalia verrà commercializzata in tre motorizzazioni: un motore a benzina da 1.6 litri da 110 cavalle e due motori diesel da 1.500 cc, uno da 90 cavalli ed un altro più potente da 110.
Sempre tre anche i livelli di allestimento: dal livello base denominato Visia, disponibile solo per i motori da 90 cavalli, si passa all’allestimento più ricco, noto come Acenta, per arrivare al top della gamma, quella da noi provata, denominata N-Tec.

In strada sulla Nissan Evalia

Appena si sale sulla Nissan Evalia la sensazione che si percepisce è abbastanza strana: da una parte ci si sente assolutamente a proprio agio, con tutti i dispositivi al solito posto, come se si salisse sulla nostra auto di sempre, d’altro canto, sembra un po’ di ritrovarsi alla guida di un furgoncino che domina la strada e guarda gli altri, suv inclusi, dall’alto in basso.
La rapportatura del cambio a sei marce è abbastanza corta, il motore eroga subito gran parte della sua potenza e al 75% del range della marcia, comincia ad erogare più lentamente, costringendo, di fatto, ad inserire la marcia successiva; in buona sostanza, si snocciolano molto velocemente le prime quattro marce e poi si può passare a giocare solo di acceleratore, nonostante il display vi
suggerirà costantemente di passare alla marcia superiore.
Se lo scatto non è da strappa-asfalto (solo un folle se lo sarebbe aspettato da una macchina come questa), la ripresa non è delle peggiori e, appunto come detto poco fa, consente di non dover avere sempre la leva del cambio sotto mano, una volta raggiunta una velocità di crociera stabile.
Nonostante l’Evalia sia più alta che larga, cosa che farebbe temere un eccessivo rollio in curva con rischio di ribaltamento, si inserisce bene in curva e, entro i limiti di velocità del codice della strada, non dà alcun segnale di instabilità o di eccessivo rollio, a testimonianza che le nostre paure sono maggiori della bravura di progettazione degli ingegneri della Nissan.
Anche l’impianto frenante funziona a dovere e l’ABS con EBD riesce a garantire delle ottime frenate, anche in condizioni non ottimali. Un grosso dubbio che avevamo, appena vista l’Evalia, era sulla sua praticità in fase di manovra: anche in questo caso, però, la Nissan ci ha piacevolmente
stupiti, dal momento che, con l’aiuto della telecamera posteriore, si riescono a fare anche parcheggi al millimetro come se si fosse su una piccola Micra, dimenticandosi, di fatto, che invece si sta guidando un furgoncino automobilizzato.
In definitiva, visto soprattutto il prezzo molto basso, anche se non si usufruisse dei 2.800 € di sconto Nissan, l’Evalia si dimostra un’ottima autovettura per famiglie giovani e numerose, pragmatiche ed attente alla sostanza, alla sicurezza e forse solleticate da un’originalità tutta nipponica che, sicuramente, non farà passare la Nissan Evalia inosservata sulle strade italiane.