- 14/06/2011 - Novità  Furgonette  Caddy

Nuovo Volkswagen Caddy BiFuel: emissioni e consumi ridotti grazie all'impianto GPL

La versione GPL del celebre Caddy riesce a ridurre consumi ed emissioni di oltre il 10%, con un vantaggio concreto per l'ambiente ed il portafogli

Nuovo Volkswagen Caddy BiFuel: emissioni e consumi ridotti grazie all'impianto GPL Il nuovo Volkswagen Caddy BiFuel è un veicolo che promette grandi vantaggi per i suoi possessori, sia dal punto di vista economico, con costi di gestione ridotti (soprattutto dal punto di vista del carburante) sia da quello ambientale, visto che le emissioni di CO2 vengono abbattute di oltre il 10%.
Volkswagen Caddy BiFuel è l'unico della sua categoria infatti che vede l'impianto GPL installato direttamente in fabbrica, con un serbatoio per il Gpl di 45 litri alloggiato sotto il pianale del veicolo, non limitando quindi né la visibilità né la funzionalità di carico. Se consideriamo poi il serbatoio per la benzina, che è di 60 litri, il Caddy BiFuel arriva ad avere un'autonomia di quasi 950 km, di cui 460 con l'utilizzo del solo serbatoio GPL. Inoltre, la rete di stazioni di servizio che erogano GPL sono moltissime in tutta Europa, ed anche in Italia sono ben distribuite essendo oltre 2.700.
Abbiamo quindi il duplice vantaggio dei costi di esercizio ridotti (allo stato attuale il GPL costa circa 80 centesimi di Euro al litro) ma anche delle emissioni ridotte, basti ad esempio pensare come il 4 cilindri 1.6 102 CV emetta 167 g/km contro i 187 g/km della versione benzina.
Vi sono peraltro notevoli vantaggi nell'assemblaggio dell'impianto GPL direttamente in fabbrica, ed il principale è senza dubbio il fatto che il veicolo venga sottoposto a severi test di durate e prove crash, mirati specificamente al serbatoio del gas, con una conseguente elevata garanzia di affidabilità per il cliente.