- 06/05/2011 - Test drive  Autocarri e furgoni grandi  ducato

Nuovo Fiat Ducato Euro5 provato a Balocco

Il nuovo furgone ora monta il nuovo motore Fiat PowerTrain Multijet II e motorizzazioni con potenza da 115CV a 180CV, confermandosi come un veicolo commerciale ai massimi livelli internazionali

Nuovo Fiat Ducato Euro5 provato a Balocco Le novità del Fiat Ducato
Fiat Professional ha presentato alla stampa la nuova gamma Ducato, rinnovando motori, interni e contenuti, per confermarsi “un passo avanti” a tutti, nel 30° anniversario del modello.
I nuovi motori tutti Euro 5, grazie al “downsizing” del Multijet di seconda generazione, a fronte di un aumento della potenza, riducono i consumi di carburante e delle emissioni.
Tre motorizzazioni e quattro classi di potenza per ogni esigenza professionale per capacità di percorrenza e carico.
Interni più comodi, quasi come su una berlina e la disponibilità del sistema di navigazione TomTom e del sistema di infoteinment Blue&Me, senza dimenticare la possibilità di controllare consumi e percorrenze grazie al sistema eco:Drive Professional.

I nuovi motori Multijet II Euro 5 per il Fiat Ducato
Per il suo 30° compleanno, ecco nuovi motori per il Fiat Ducato. Sono i Multijet II di seconda generazione, omologati secondo la normativa Euro 5. Tre le cilindrate disponibili: 2 litri, 2.3 e 3.0 con quattro potenze differenti: 115CV per il primo; 130 e 150CV per il secondo infine ben 180 per il terzo.
Il modello entry level è l'inedito motore 115 Multijet da 2 litri e 115CV di potenza, che registra il record assoluto del segmento per quanto riguarda i consumi: 6,4 l/100km, con 169 g/100km di emissioni di CO2. Rispetto al precedente motore da 2,2 litri, significa una riduzione dei consumi del 14%. Inoltre, sono state incrementate la potenza di 15CV e la coppia, ora di 280Nm a 1.500 giri/minuto. Questi miglioramenti sono stati ottenuti   grazie al nuovo motore Multijet  II, propulsore “downsized” ma capace di offrire performance di livello superiore.
Il motore intermedio della gamma è il 130 Multijet da 2,3 litri, disponibile in doppia versione da 130CV oppure 148CV, per soddisfare ogni esigenza professionale.
Rispetto al predecessore mantiene la stessa cilindrata ma, grazie al Multijett II, raggiunge i 130CV,  guadagnandone 10, e riduce i consumi del 9%.
La seconda versione del 2,3 litri è il 150 Multijet, che registra una potenza pari a 148CV. Dotata di turbo a geometria variabile, ha una coppia di 350Nm a soli 1.500 giri/minuto e fa registrare gli stessi consumi della versione a 130CV.
Entrambe le versioni da 2,3 litri possono essere equipaggiate con il sistema Start&Stop (che consente un ulteriore risparmio dei consumi del 15% nel ciclo urbano) e l'indicatore di marcia GSI (Gear Shift Indicator).
Per chi non si accontenta o necessita di trasportare carichi elevati, ecco la versione top: la 180 Multijet Power con cilindrata di 3 litri. Rispetto la versione precedente, la coppia massima, di 400Nm, è disponibile già a 1.400 giri/minuto, fino a 3.000, mentre la potenza è stata incrementata da 157 a 177CV (+13%). Insieme all'aumento della potenza, il downsizing del Multijet ha permesso una riduzione dei consumi del 9%.
Fiat Professional ci tiene a sottolineare che questo quartetto di motori sono i migliori della categoria per quanto riguarda il rapporto prestazioni/consumi, collocandosi ai vertici della categoria.
Inoltre, altra interessante novità, sono stati ottimizzati i tempi ed i costi di manutenzione con intervalli di 48.000 km tra un tagliando e l'altro (in precedenza erano 45.000).

Allestimenti del Fiat Ducato Euro 5
Altra cosa inedita è l’introduzione di differenti livelli di allestimento: quello base, comunque arricchito rispetto alla plancia precedente, dalla presenza di segni e grafiche cromate (i comandi clima, la leva del cambio, i comandi bocchette), quello “Techno”, che consiste in una esclusiva variante arricchita dalla presenza di elementi plastici con effetto “cromato” che abbinata alla radio produce un effetto da veicolo elegante e tecnologico.
Viene inoltre proposto un allestimento “Wood” che, mediante l’adozione della tecnologia Dip-print™ simula la radica. Una esclusiva di nuovo Ducato sviluppata specificatamente per rispondere alle esigenze provenienti dal settore Camping Car e che può essere utile anche per le versioni più esclusive di trasporto persona, shuttle e uffici mobili.

Sistemi infotelematici sul nuovo Fiat Ducato Euro 5
Non manca la tecnologia a bordo del Fiat Ducato, per far sentire i suoi occupanti sempre più a loro agio, come su una auto Fiat.
Oltre alla presa “MyPort”, presente su tutte le vetture Fiat per collegare il TomTom senza cavi ne' ventose, è possibile associare lo stesso navigatore con il sistema Blue&Me e con il trip computer del Ducato. In questo modo si ottiene si possono controllare tutti i sistemi di comunicazione del veicolo. Grazie a Blue&Me, si può inoltre entrare nel mondo eco:Drive Professional, versione studiata per i veicoli commerciali del software Fiat per migliorare l'efficienza di guida. In base ad alcuni parametri come il carico trasportato e l'area frontale del mezzo, suggerisce soluzioni per il risparmio del carburante. Grazie alla chiavetta da collegare alla porta USB del Fiat Ducato, si raccolgono informazioni utili su velocità, marcia inserta, consumo medio e chilometraggio percorso.

Come va su strada
Fiat Professional ha messo a disposizione dei giornalisti, all'interno del circuito di Balocco, nel Centro Sperimentale del Gruppo Fiat, un percorso misto di 30 km in grado di simulare le condizioni di lavoro che si possono affrontare a borda del Fiat Ducato.
Come tutti i mezzi, la prima impressione è quella esterna. Fiat Professional ha deciso di non modificare il design per mantenere l'identità di un mezzo che è stato per cinque volte 'Van of the Year' e sviluppare la sua riconoscibilità a livello internazionale.
Gli interni del nuovo Ducato sono stati rinnovati, la cabina guida già comoda, pratica, funzionale e luminosa ha una ottima visibilità grazie alle ampie superfici vetrate.
La consolle centrale è stata integralmente ridisegnata con autoradio perfettamente integrata nella plancia conferendo una sensazione di qualità e stile inediti per un veicoli di questa categoria. Addirittura, c'è un materiale che simula la radica per il Ducato rivolto ad esclusivi servizi di trasporto di persone.
La versione d'entrata alla gamma, il 115 Multijet II con motore 2 litri, ha una ripresa che soddisfa, così come lo spunto in salita inoltre, grazie a consumi best in class di 6,4 l/100km, le soste alle stazioni di carburante si fanno sempre meno frequenti.
Lo sterzo leggero lo rende molto comodo sia nella guida che, soprattutto, durante le manovre, più facili da effettuare anche grazie all'ampia superficie vetrata che garantisce la necessaria visibilità.
Per chi necessita invece di un utilizzo misto può fare affidamento sulla versione 2.3 130 Multijet II.
Nelle varie prove presenti nei 30 km di percorso, si è dimostrato robusto, affidabile, con spunti notevoli anche con carichi importanti grazie alla coppia di 320Nm.
All'interno gli occupanti sono comodi e colpisce l'insonorizzazione dell'abitacolo. Per migliorare il comfort di marcia, la struttura del  motore adotta un basamento in ghisa con cuscinetti integrati per ridurre al minimo le vibrazioni (la distribuzione avviene tramite comando a cinghia dentata, con tendicinghia automatico).
A chi invece piace avere un po' più di cavalli, ecco la seconda versione del motore 2.3, la 150 Multijet II.
La versione top della gamma Ducato è il 3.0 180 Multijet Power. Provato con un carico notevole, i 177CV si sono fatti sentire tutti, assicurando la massima capacità di disimpegno, grazie anche alla componentistica, progettata per carichi gravosi e prolungati.
In generale, abbiamo notato l'equilibrio alla base di ogni versione e l'elevato miglioramento degli standard interni, quasi a voler coccolare chi sale a bordo del nuovo Ducato.

Caratteristiche

  • Consumi
  • Cambio
  • Comodità interna
  • Forse Start&Stop optional su alcuni allestimenti

Scheda tecnica

  • Motore: 115 Multijet II Euro V
  • Cilindrata (cm3): 1956
  • Potenza max CV @ giri/min: 85 @ 3.700
  • Coppia max Nm @ giri/min: 280 @ 1.500
  • Trazione: Anteriore
  • Velocità max km/h: 135-140
  • Consumi l/100 km: 6,4
  • Emissioni di CO2 g/km: 179
  • Peso massimo rimorchiabile kg: 2.000
  • Capacità serbatoio lt.: 90