- 29/04/2011 - Camion  Samoter

Man al Samoter 2011

Tecnologie all'avanguardia e veicoli “offroad” al salone triennale di Verona dell'edilizia. In vetrina solo modelli EEV. Passerella per la gamma TGS

Man al Samoter 2011

A Verona, Man ha schierato la propria squadra da cava-cantiere al gran completo nel corso del Samoter, il salone triennale della macchine movimento terra e per l'edilizia, visitato quest'anno da poco meno di centomila operatori (98 mila per la precisione secondo i dati forniti degli organizzatori).
Fra i 900 espositori di 37 paesi, la tedesca Man ha occupato 1.800 metri quadrati, di cui 300 all'esterno. Oltre ai mezzi specializzati, la casa di Monaco di Baviera ha portato (per soddisfare i più curiosi) sia il Race Truck del team Allgäuer (iscritto al Campionato Europeo Truck Racing e di cui MAN ha recentemente conquistato il decimo titolo piloti) sia il Dakar Truck del team Italtrans, dedicato all’assistenza degli equipaggi in gara. Notevole interesse ha suscitato anche il concorso che metteva in palio un Amaork, il nuovo pick-up Volkswagen, tra tutti gli acquirenti di un Man durante il Samoter.

All'insegna del motto “Soluzioni di trasporto efficienti. Sulla strada di tutti i giorni, anche in cantiere”, Man ha messo in vetrina dalla betoniera al ribaltabile, dal cassone alla gru e altro ancora, sfoggiando la cosiddetta Trucknology Generation  forte sia dell'esclusiva trazione anteriore idrostatica inseribile al bisogno per gli impieghi fuoristrada (Man HydroDrive è già montato su 6 mila veicoli a partire dal 2005) sia il Man PriTarder, il rallentatore idrodinamico assai efficace alle velocità molto basse per una frenata ancora più potente. Non solo: tutti i veicoli presenti allo stand sono EEV (Enhanced Environmentally Friendly Vehicles), ovvero con limiti di emissioni inferiori all’Euro 5. Questi invidiabili valori sono raggiunti sia con la tecnologia Egr (ma senza additivi per le gamme leggera e media), sia con l'Scr per la gamma pesante.

A Verona la gamma di accesso al mondo Man è il TGL rappresentato dalla versione 8.180 4x2, con MTT di 7,5 t. In “passerella” anche due TGM: 18.290 4x4 e 13.290 4x4. La vera star dello stand, tuttavia, è il TGS, un mezzo che non si lascia intimidire da nessun tipo di impiego fuoristrada nel segmento da 18 a 41 t di MTT. Ben sette le versioni esposte alla vetrina scaligera: il 26.480 6x6H, il 18.440 4x4H, il 41.440 8x4, il 28.440 6x4-4, il 18.480 4H4, il 33.480 6x4 ed il 41.480 8x4.

A completare la panoramica dell’offerta MAN, sempre nell’area esterna, un TGX 33.540 6x4 con la spaziosissima e lussuosa cabina XLX, tipica del lungo raggio.
Da oltre 70 anni MAN vanta una competenza specifica nello sviluppo delle trazioni integrali, indispensabili per operare su terreni insidiosi e condizioni estreme. Il costruttore germanico è leader nell’ambito dei veicoli a trazione integrale con una serie di soluzioni specifiche studiate per migliorare la motricità in condizioni difficili. È il caso degli assali a doppia riduzione con gruppi epicicloidali nei mozzi ruota con un’elevata altezza libera da terra, i freni a tamburo e la possibile scelta fra sospensioni posteriori meccaniche o pneumatiche su moltissimi modelli.