- 15/04/2011 - Camion

DAF cresce ancora

La consociata dell'americana Paccar, nel 2010 ha raggiunto in Europa nel mercato dei veicoli pesanti una quota del 15,2%. In Italia e Germania è il marchio più importato

DAF cresce ancora

Nel 2010, in Italia, DAF è arrivata al 12,1%, ancora sotto la penetrazione media del vecchio continente (15,2%), ma in forte crescita rispetto all'esercizio precedente: +30%.

Per quanto riguarda i trattori, nel Belpaese il costruttore europeo controllato dal colosso americano Paccar è già al 17,5%, mentre sul fronte autotelai è al 7,6%.
In Europa, invece, DAF – che ha stabilimenti produttivi ad Eindhoven, nei Paesi Bassi, ed a Westerlo, in Belgio e conta su una rete di mille tra dealer e punti di assistenza – ha conquistato il terzo posto nel mercato dei veicoli pesanti (>15 tonnellate): un bel risultato considerato che meno di 10 anni fa era ancora la “più piccola”, in termini di volumi, fra le sette case produttrici di veicoli industriali d'Europa.

Attualmente DAF è leader in alcuni stati come quelli sostanzialmente “domestici” come i Paesi Bassi (dal 33,3 al 34,7%) ed il Belgio (dal 18,5 al 22,2%), ma anche nel Regno Unito, in Polonia (19,3%), nella Repubblica Ceca (20,9%), in Romania ed in Ungheria. In Germania, il più grande mercato del vecchio continente per i mezzi pesanti, DAF ha consolidato ulteriormente la sua posizione quale marchio maggiormente importato, arrivando all'11,1% (10,6% nel 2009). In Francia è al 14,4% ed in Spagna al 14,6%.
Nell'intero segmento europeo dei trattori DAF è già oltre il 19%. L'intenzione è quella di aumentare la penetrazione, ma – si legge in una nota del costruttore - “è necessario crescere ancora nella già ampia gamma di autotelai a 2, 3 e 4 assali con un veicolo personalizzato per ogni impiego”.

L'obiettivo a medio termine è quello di sfondare quota 20%.
Lo scorso anno nei 27 paesi dell’Unione Europea (più Norvegia e Svizzera), sono stati immatricolati 183.000 nuovi veicoli nella classe oltre le 15 tonnellate, che corrisponde a un incremento di oltre il 9% rispetto all’anno precedente, in cui le immatricolazioni erano state circa 168.000 unità. Nel 2011 in Europa le vendite dovrebbero “lievitare” grazie alla ripresa, soprattutto in alcuni paesi: è attesa una domanda compresa fra le 220.000 e 240.000 unità.

Tra i punti forti di DAF ci sono anche i contratti MultiSupport Repair and Maintenance e la ricambistica di Paccar Parts, che offre un livello di servizio di oltre il 97% e nel 2010 è riuscita a far salire ulteriormente il livello di affidabilità al 99.98%.