- 05/03/2011 - Novità  Volkswagen  Van  Bulli

Volkswagen Bulli

La casa di Wolfsburg al Salone di Ginevra presenta un mini van totalmente elettrico molto interessante dalle dimensioni contenute ma con una ampia capacità interna

Volkswagen Bulli Vedi altri articoli Volkswagen Anche i veicoli commerciali al Salone di Ginevra non perdono di vista la mobilità alternativa, per un futuro più sostenibile anche per il trasporto di merci e all'interno dei cantieri.
Così all'81° edizione del Salone Internazionale dell'Auto di Ginevra, anche i colossi dell'automotive colgono l'occasione per dimostrarsi al passo con i tempi e Volkswagen Bulli si mette in bella mostra con una presentazione coinvolgente e dinamica.

Caratteristica principale di questo van è la propulsione: infatti è un mini van elettrico al 100% con trazione anteriore. La batteria agli ioni di litio da 40KWh  è sistemata sotto il pianale nell'asse anteriore e fornisce una potenza di 115 CV (85Kw) e una coppia massima di ben 270 Nm. Queste doti garantiscono al VW Bulli un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 11,5 secondi, una  velocità massima limitata elettronicamente a 140 km/h per una autonomia di 300 km.
La batteria si ricarica attaccando la vettura a una qualsiasi presa della corrente in meno di un'ora.
I motori 1.0 e 1.4 si rivelano parchi nei consumi e potenti grazie a un’efficace strategia di downsizing, un perfetto connubio per chi ricerca massima autonomia a fronte di spese ridotte per il carburante.

La verniciatura bicolore che si estende fino a formare una "V" sul cofano è l'ingrediente fondamentale dell'effetto nostalgia su cui fa leva il nuovo Bulli, nato nel 1950 con un design semplice. A oggi, il padre di tutti i van vanta un nutrito gruppo di fan provenienti da ogni parte del mondo. Guardando al futuro, ora
la Volkswagen reinterpreta il design dalle linee compatte di questa vera e propria leggenda automobilistica, grazie al prototipo per una nuova generazione del Bulli.
La lunghezza è contenuta in soli 3,99 metri, per 1.75 metri di larghezza e 1.70 di altezza. Tali dimensioni sono compatibili con un agile utilizzo sia nel contesto urbano che all'interno di cantieri. L'abitacolo nonostante le dimensioni ha una generosa disponibilità di spazio per persone e materiale.

Gli interni sono semplici, puliti e razionali nel design. Oltre al tetto panoramico, l’abitacolo è proprio come a suo tempo il T1: anche il nuovo Bulli monta una “panchetta” anteriore, grazie al fondo piatto.
La console centrale praticamente non c'è, sostituita da un iPad integrato ed estraibile che funge da touchscreen multifunzione e permette di controllare le funzioni di infoteinment come il dispositivo vivavoce Bluetooth, il sistema di navigazione, il climatizzatore, l'impianto audio e di navigazione satellitare.
Ciò che manca nel Bulli sono un contagiri (superfluo per un motore elettrico) e una leva del cambio convenzionale (anch’essa superfluo sui veicoli elettrici). Quest’ultimo è sostituito da una manopola sul lato destro della plancia che consente di attivare la marcia avanti e indietro.
Il sedile del passeggero e quello centrale del divano anteriore sono completamente abbattibili al pari dell’intero divano posteriore che ospita tre passeggeri. In questo modo la capacità di carico aumenta fino a 1.600 litri.
Sul nuovo Bulli i sedili possono inoltre essere trasformati con pochi gesti in un’ampia superficie su cui sdraiarsi, trasformandosi in camper compatto.
Altrettanto fondamentale per i tanti Clienti che scelgono un van compatto è il fatto che la posizione dei sedili non sia solo variabile, ma offra anche il massimo comfort. La posizione di seduta è piacevolmente rialzata e di conseguenza confortevole, e regala inoltre un’ottima visuale anteriore. Così, oggi ci si può davvero rilassare una volta a bordo del moderno Bulli, grazie a una dotazione di sicurezza di livello superiore.